Comune di Velletri (RM)

Evento 5

Città di Velletri
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
..
Evento 5
..

Evento 5

Partecipazione:

L'evento ha coinvolto 59 cittadini, tra cui 31 partecipanti dalla città di Kőszeg, in Ungheria; 8 partecipanti dalla città di Marsaskala, Malta; 9 partecipanti dalla città di Bad Kötzting, in Germania; 6 partecipanti dalla città di Chojna, in Polonia; 4 partecipanti dalla città di Velletri, in Italia.

Località / Date:

L'evento si è svolto a Kőszeg, in Ungheria, dal 18/10/2018 al 21/10/2018.

Breve descrizione:

L'obiettivo del quinto, vale a dire l'ultimo evento tra tutti e 5, è stato quello di riassumere l'argomento generale del progetto, ovvero elencare quanti più vantaggi possibile dell'appartenenza all'Unione europea e analizzare l'euroscetticismo. Inoltre, un altro obiettivo era mostrare i vantaggi di essere membro dell'Unione europea sia attraverso la "parte teorica" dell'evento sia con la visita di studio.

Il quinto evento è stato organizzato da Kőszegi Testvérvárosi Egyesület (Associazione dei gemellaggi della città di Kőszeg), dove i membri hanno preparato un programma molto serrato ma interessante per i 59 partecipanti ufficiali, 28 dei quali provenienti da Germania, Italia, Malta e Polonia.

La conferenza è stata aperta con un'esibizione di danza popolare di due membri dell'associazione, Anikó Horváth e András Sudár. Dopo questo dott. István Mátrai, il presidente dell'associazione ha salutato i partecipanti e ha chiesto al signor László Huber, sindaco della città Kőszeg di condividere i suoi pensieri con il pubblico. Nel suo discorso ha sottolineato l'importanza di tutti quegli eventi in cui rappresentanti di più nazioni si riuniscono per discutere questioni importanti per l'Unione europea. Ha riassunto la storia ricca e stimolante della città sottolineando che essere al confine ha insegnato loro a rispettare le altre nazioni. Ha dato esempi su come si viva insieme alle minoranze nella loro zona. Dicendo che questo rende la loro città colorata e di successo.

Dopo il discorso del sindaco, i gruppi di ospiti hanno consegnato agli organizzatori i dipinti, i disegni, le foto che hanno portato per la mostra. Gli organizzatori hanno poi allestito la mostra. (La cerimonia di apertura era il giorno successivo.) La cena ha dato una buona opportunità ai partecipanti di conoscersi.

Il giorno seguente, 19 ottobre, venerdì mattina il programma è iniziato con le presentazioni. Alcuni dei partecipanti si conoscevano già, ma molti di loro erano sconosciuti per la maggior parte delle persone. Ecco perché i capi delle delegazioni li hanno introdotti a breve. Il vice-sindaco di Bad Kötzting, Wolfgang Pilz ha presentato la squadra di 9 membri, 3 dei quali giovani. Mario Calleja, sindaco di Marsaskala, ha presentato la delegazione di 8 membri. Janusz Cezary Salamończyk, presidente di Douzelage a Chojna, ha parlato della delegazione polacca, mentre la delegazione Velletri di 4 partecipanti è stata presentata dal consigliere comunale Edoardo Menicocci. Infine, il dott. István Mátrai, presidente dell'associazione, ha presentato non solo la squadra ungherese di Kőszeg, ma ha anche accolto calorosamente la signora Annigje Kruytbosch, presidente del Douzelage europeo dai Paesi Bassi, che si è unita all'incontro. Il suo discorso è stato molto bello e utile durante l'incontro e ci aiuterà con la più ampia diffusione del progetto.

Il dott. István Mátrai, coordinatore del progetto, ha introdotto il sito web del progetto che contiene le informazioni più importanti e ha mostrato come funziona, quali file sono già stati caricati. Inoltre, ha mostrato il sito Web di Kőszeg, dove gli eventi del progetto sono già parzialmente caricati. Ha sottolineato, quanto sia importante, ed è obbligatorio per tutte le città coinvolte nel progetto creare lo stesso posto nel sito web delle loro città per ottenere il sostegno finanziario dall'UE. Ha anche sottolineato che il rapporto finale sarà inviato dal coordinatore, ma chiederà aiuto ai partner.

Dopo questa sessione i partecipanti hanno preso parte al Water Workshop, che è stato preparato da Laona Tálos-Mátrai e Ilona Mátrai-Halász. Nella fase di preparazione hanno realizzato poster di grandi dimensioni con alcune informazioni sull'impronta idrica in generale e in alcuni casi specifici. Inoltre, per informare i partecipanti (in particolare quelli che provenivano da altri paesi) sulle famose acque termali ungheresi, hanno preparato una mostra su di loro.

Il lavoro è iniziato con la risoluzione di un test con 13 domande a scelta multipla. Le prime 10 domande relative all'impatto idrico. Tra questi c'erano domande come "Quale quantità di acqua è necessaria per produrre 1 tazza di caffè?" (La risposta ha scioccato le persone: 140 litri), o "Quale quantità di acqua è necessaria per produrre 1 kg di carne bovina?" (La risposta era ancora più scioccante: 15500 litri). Solo alcuni dei partecipanti erano ben informati su questo argomento. Le ultime 3 domande relative all'acqua dolce: quale percentuale dell'acqua dolce viene utilizzata per la casa, l'industria e l'irrigazione. (Le domande del test possono essere trovate tra i "Materiali")

I partecipanti hanno lavorato in gruppi. Dopo aver controllato le risposte, il miglior gruppo ha ottenuto un cioccolato, chiamato "Balaton szelet".

La seconda parte del workshop è stata moderata dalla sig.ra Ilona Tálos-Mátrai. Cinque brevi dialoghi sono stati dati ai cinque gruppi, uno per ciascuno. Hanno discusso gli argomenti in 15 minuti e un portavoce ha presentato il risultato della loro discussione. Ogni documento iniziava con alcune informazioni sull'impronta idrica, l'uso dell'acqua diretta e indiretta. (Ad esempio, in Europa la persona media consuma direttamente tra 100-150 litri di acqua al giorno - come acqua potabile, per lavare i vestiti, fare il bagno e irrigare le piante, ma ogni persona consuma anche indirettamente tra 1.500 e 10.000 litri al giorno a seconda di dove live e le loro abitudini di consumo. (Gli argomenti di discussione possono essere trovati tra i "Materiali").

Gruppo A-L’argomento era mangiare carne o essere vegetariano. Conversazione di Giovanni (vegetariano) e Tom (onnivoro) in un ristorante. Avendo le informazioni sull'impronta idrica di diversi alimenti, il gruppo ha dovuto discutere gli argomenti e dare la propria opinione. Il portavoce del gruppo ha parlato dei vantaggi delle precedenti abitudini alimentari delle persone: mangiavano carne una volta alla settimana. Tuttavia, il gruppo non ha suggerito che tutte le persone dovrebbero essere vegetariane, ma hanno suggerito la dieta equilibrata per tutti. Questo non è solo a causa dell'impronta idrica più piccola, ma dovremmo tutti ricordare che l'essere umano è onnivoro.

Gruppo B- L'argomento del gruppo era il cibo nella mensa scolastica. Nel dialogo tra due genitori, Kate e Ann hanno parlato della qualità del cibo alla mensa scolastica. La domanda chiave era quanto sia delizioso il cibo nella mensa scolastica. Dopo la discussione hanno concordato che un alimento bilanciato preparato al momento sarebbe salutare per i bambini. L'uso di sostanze chimiche potrebbe rendere il cibo più delizioso ma diversi componenti E- # possono causare problemi di salute, ad es. aumentano estremamente l'appetito. Oltre a questi fattori la loro impronta idrica è molto grande.

L'argomento del gruppo C era una situazione in un negozio. La domanda chiave era: quali potrebbero essere le conseguenze del divieto di sacchetti di plastica, in particolare se consideriamo che i bidoni della spazzatura dovrebbero essere puliti con molta più acqua. Il gruppo ha preso in considerazione entrambi i fattori: risparmio idrico ed ecocompatibilità. Hanno concordato di vietarlo nei supermercati, ma li userebbero comunque per la spazzatura. Inoltre, hanno menzionato, anche per i sacchetti di carta riciclata spazzatura sarebbe la soluzione migliore in quanto sarà decomposto nella natura, ma risparmiamo acqua per pulirli.

L'argomento del gruppo D riguardava il vantaggio di acquistare prodotti locali invece di trasportarli da lunghe distanze. Dopo la discussione, il gruppo ha elencato i vantaggi e gli svantaggi dell'uso dei prodotti locali. Prendendo in considerazione lo sviluppo sostenibile è meglio usare i beni locali, perché non richiede il trasporto, durante il quale vengono rilasciati molti gas velenosi, il carburante viene consumato ecc. Oltre a questi, molto meno acqua viene sprecata per il trasporto non necessario.

Il gruppo E doveva suggerire dieci metodi di risparmio idrico. Dovevano anche decidere quale età è la migliore per iniziare a parlare di risparmio idrico. Questo gruppo è stato l'ultimo a dare il loro riassunto dove hanno affermato che, all'età di 5 anni, dobbiamo insegnare ai nostri figli a risparmiare acqua. Tutti e dieci i metodi elencati possono essere visti nella parte "Materiale".

La moderatrice, la signora Ilona Tálos-Mátrai ha riassunto la parte teorica del seminario. Ha menzionato che negli anni '60 solo due terzi delle risorse della Terra erano utilizzate dalle persone ogni anno. Il 21 ottobre 1992 è stato il giorno del consumo eccessivo mondiale, da cui sono state consumate le risorse dell’anno successivo. Per mantenere il nostro attuale stile di vita, avremmo bisogno di 1.7 Terre, ma ne abbiamo solo una. L'uso dell'acqua sta crescendo al doppio del tasso di crescita della popolazione. A meno che questa tendenza non sia invertita, e si arrivi ad un modo per condividere l'acqua in modo equo e sostenibile in tutto il pianeta, i due terzi della popolazione globale andranno incontro allo stress idrico entro il 2025. Se tutti pensassero a questo in modo responsabile come è stato fatto questa mattina lo stress idrico arriverà molto più tardi. Durante la visita di studio il giorno dopo si vedrà come le azioni locali hanno migliorato la qualità di alcune risorse.

Dopo il laboratorio sull'acqua, la signora Ágnes Lepold ha inaugurato la mostra preparata la sera precedente. Ha spiegato perché abbiamo scelto l'acqua come tema dei dipinti, dei disegni e delle foto dei giovani; distribuito dei piccoli dischi e chiesto ai partecipanti di votare in un secondo momento, l’ultimo giorno saranno annunciati i vincitori. La cerimonia di apertura è stata seguita da una breve pausa caffè.

Dopo la pausa caffè, abbiamo continuato il nostro lavoro sui valori europei. Il primo passo è stato una lezione tenuta dal prof. Dr George Schöpflin, deputato al Parlamento europeo. Il nostro ospite invitato è stato presentato da Mr. Béla Básthy, vice sindaco della città.

Il professore ha tenuto un discorso sull'integrazione dal punto di vista dell'Ungheria e di altri paesi piccoli e / o di quelli che in passato appartenevano al blocco orientale. Ha anche condiviso le sue opinioni sulle fonti dell'euroscetticismo.

Innanzitutto, ha sottolineato il fatto che la posizione dell'Ungheria nell'UE è determinata dalle sue dimensioni e dalla sua popolazione e che il peso dei grandi paesi tende a dominare nell'UE. Tuttavia, quando la CEE divenne operativa dopo la Seconda Guerra Mondiale, l'obiettivo era di portare l'Europa fuori dal trauma della guerra non solo dal punto di vista economico, ma anche politico e per raggiungere questo obiettivo l'uguaglianza di membri fu stabilita creando istituzioni che avrebbero impedito ai grandi di dominare i piccoli.

Il dott. Schöpflin ha spiegato che dopo la Seconda Guerra Mondiale nell’area socialista-comunista lo sviluppo è stato contenuto artificialmente, i contadini sono stati trasformati in gente di città e le persone sono state oppresse. Tuttavia, l'oppressione non può mai avere il 100% di successo come dicono esempi già segnalati negli anni '60. Alla fine, con le rivoluzioni pacifiche in questi paesi, è stata data loro la possibilità di ricongiungersi all'Europa. Dopo il 1989, anche l'Ungheria aveva grandi aspettative di essere integrata.

Quindi, la domanda è se i piccoli stati siano solo parte di un nuovo impero nell'UE, se hanno mezzi per far sentire le loro preoccupazioni. Il professore ha sottolineato che l'UE dovrebbe essere un forum anche per i piccoli stati per risolvere i loro problemi. Il dott. Schöpflin ha sottolineato che l'adesione all'UE non ha soddisfatto le aspettative nell'Europa orientale sotto molti aspetti. Ad esempio, a livello economico è ovvio che la classifica dei paesi non è cambiata molto in termini di standard di vita. Inoltre, mentre il 1989 è stato un passo verso la democrazia, è stato anche un grande passo verso l'emancipazione nazionale e con la crescente popolarità della nazione, il mantenimento dell'identità nazionale è diventato sempre più importante per i piccoli stati.

Sebbene sia ovvio che l'integrazione nell'UE è un successo perché è possibile trovare un compromesso, con la crescente importanza della normativa sui diritti umani nell'ultimo decennio sorge la domanda se la nazione possa ostacolare un possibile compromesso nell'UE.

Dopo la conferenza ci sono state alcune domande, ad esempio sui sentimenti degli olandesi e su altri popoli dell'Europa occidentale, che spesso ritengono di pagare tasse elevate per sostenere l'Europa orientale e si chiedono al contrario come l'Unione europea sia vantaggiosa per loro. Il professore ha risposto che la maggior parte dei progetti finanziati dall'UE nell'Europa dell'Est è svolta da società occidentali, quindi beneficiano anche di questi progetti e circa il 90% dei fondi torna in Occidente in questo modo. Prima e dopo la lezione, abbiamo introdotto brevemente il nuovo articolo scritto dal professor Schöpflin: "I piccoli stati dell'Europa e i grandi vortici, le implicazioni di un mondo multipolare."

Dopo la lezione e le domande, il pranzo ha dato l'opportunità di rilassarsi un po'e ha permesso ai partecipanti di prepararsi per la sessione pomeridiana.

La sessione pomeridiana è iniziata con un discorso commovente. Abbiamo chiesto alla sig.ra Annigje Kruytbosch, presidente del Douzelage europeo, di rispondere alla domanda: "Che cosa significa l'Unione europea per me?"

La signora Annigje Kruytbosh ha parlato inizialmente della vita di suo padre, poiché tutti i diciottenni in Olanda dovettero andare a lavorare per i nazisti. Invece, lui si nascose. Dopo la guerra andò all'Università. Con tutti i suoi compagni di studi sognava un'Europa forte, stabile e soprattutto pacifica. Tutti hanno cercato di guardare avanti e il ricordo di un'Europa distrutta li ha spinti a ricostruire la loro Europa insieme in pace. Dopo gli studi, ha ottenuto un lavoro presso gli Affari Esteri ed è andato abbastanza rapidamente verso la strada per Parigi per lavorare per la Comunità europea del carbone e dell'acciaio. Come tutti sappiamo, il precursore del mercato comune e dell'UE. Il trattato della Comunità europea del carbone e dell'acciaio fu firmato nel 1951 e divenne operativo nel 1952, solo 7 anni dopo la fine della guerra. È stata l'iniziativa più importante per l'integrazione e la pace in Europa. Lei era appena nata quando si trasferirono a Parigi e 15 anni dopo si trasferirono a Bruxelles. Nel 1944 il Belgio, i Paesi Bassi e il Lussemburgo decisero di istituire un'unione doganale: libera circolazione di merci e persone all'interno di questi 3 paesi.

Spesso sento: "Sì, ma il Belgio, l'Olanda e il Lussemburgo sono così simili!". Ho il coraggio di contestarlo. Parliamo lingue diverse, siamo di religione diversa, abbiamo una storia diversa e una mentalità diversa. Ma funziona e questo è il più importante!

Ultimo fatto su mio padre, sono abbastanza orgoglioso di dire che è stato l'architetto del Trattato di Schengen. Era il suo sogno avere confini aperti - come quelli all'interno del Benelux - per l'intera Unione europea (economica). È stato firmato a Schengen in Lussemburgo nel 1985.

Allora, cosa significa l'UE per me? Sono stato chiaramente educato in un ambiente pro-europeo. Ho fatto i miei ultimi esami scolastici alla Scuola europea di Bruxelles nel 1980, quando in quel momento si era arrivati ad avere 9 nazionalità. Ci siamo divertiti con gli italiani, abbiamo provato a capire il danese, perché le nostre lingue sono vicine, abbiamo goduto della perfetta educazione degli inglesi e siamo stati una grande famiglia di amici uniti. Sono cresciuto con l'idea che noi europei siamo uniti nella diversità.

L'Europa occidentale ha conosciuto quasi 75 anni di pace. È molto, molto tempo. Sono consapevole del fatto che ciò non vale per i nostri amici dell'Europa orientale: il loro ricordo di tempi incerti e spaventosi risiede in un passato più recente. Abbiamo tutti la responsabilità di continuare a camminare insieme sulla via della pace! Sono orgoglioso del fatto che mio padre abbia contribuito ad alcuni pilastri europei che ci rendono uniti oggi. La sua Europa, la mia Europa, la vostra Europa: lavoriamo insieme per mantenere l'Europa unita, per educare e rispettare l'una e l'altra. So che possiamo farlo!!‘’(L'intero discorso può essere trovato tra i Materiali.)

Dopo questo discorso i partecipanti hanno iniziato il seminario sull'euroscetticismo. L'intero seminario era costituito da tre parti.

Prima tutti i partecipanti hanno ottenuto un test a scelta multipla a 6 domande. Dovevano scoprire se quando è iniziato l'euroscetticismo, quali sono i paesi più euroscettici, quale percentuale della popolazione ha avuto un'immagine positiva dell'UE nel 2015 ecc. È emerso che solo 2 risposte erano corrette al 100%. I moderatori, la signora Marietta Nagy e la signora Claire Strasbaugh hanno discusso le risposte in dettaglio e hanno fornito dei dati.

Lo scopo della seconda parte era di verificare in che misura i partecipanti conoscessero alcuni termini, come nazionalismo, euroscetticismo soft / hard, euro-entusiasti ecc. Ai gruppi venivano dati i termini e le loro definizioni su diversi fogli che dovevano essere accoppiati tra loro. Non era un compito difficile, ma era importante assicurarsi che conoscessero questi termini. (L'attività può essere trovata tra i Materiali.)

L'ultima parte era più interattiva: i partecipanti dovevano alzarsi e spostarsi sul lato destro o sul lato sinistro della stanza o anche rimanere nel mezzo a seconda del loro accordo o disaccordo con alcune affermazioni che potevano leggere sullo schermo. Mentre si muovevano, potevano / dovevano discutere la loro decisione con gli altri. Le dichiarazioni erano legate ai loro sentimenti riguardo all'appartenenza all'UE. Solo alcuni esempi:

Il il mio paese beneficia dell'appartenenza all'UE

Personalmente mi sento un cittadino europeo e un cittadino del mio paese allo stesso modo. È stato interessante osservare le risposte delle delegazioni.

L'immigrazione indebolisce le nazioni in quanto devono concentrarsi sui bisogni dei nuovi cittadini.

Era importante che tutti i partecipanti pensassero che i loro paesi beneficiassero dell'adesione all'UE. Tuttavia, alcuni partecipanti si sentivano prima di tutto cittadini del loro paese e la cittadinanza europea è arrivata solo dopo. Siamo tutti d'accordo, non c'è nulla di sbagliato in questo sentimento, se si rispettano anche i valori europei. L'atteggiamento nei confronti degli immigrati ha diviso i partecipanti un po'di più. Dopo un breve riassunto, i moderatori hanno chiuso il seminario.

Dopo una breve pausa, i partecipanti hanno raggiunto il Centro Culturale del Castello per ascoltare un concerto di musica folk, quindi la giornata si è conclusa con una cena al castello.

Il sabato mattina i partecipanti stranieri sono stati accompagnati da quelli locali per una visita guidata dove hanno avuto la possibilità di vedere il centro storico della città e la sua ristrutturazione. Hanno potuto vedere quanti edifici sono stati rinnovati con l'aiuto di fondi europei o aiuti governativi. Dopo questo c’è stata una gita in montagna. Questa visita di studio è stata in parte un sostegno ai vantaggi di essere membro dell'Unione Europea: mentre guidavamo e camminavamo, tutti potevano vedere i ricordi dell'antica cortina di ferro. Come cittadini europei, il nostro percorso è passato a volte in Ungheria, a volte in Austria. Pochissime persone possono immaginare che prima dovevamo fermarci a pochi chilometri da questi luoghi.

D'altra parte, questa era la parte pratica del nostro progetto idrico. Durante il viaggio abbiamo potuto vedere diverse sorgenti che erano tutte pulite, molti decenni fa. Successivamente, l'inquinamento (sia in Ungheria che in Austria) ha distrutto la buona qualità di queste sorgenti. Tuttavia, lo sforzo comune ha avuto successo, possiamo mostrarlo con orgoglio, possiamo bere dalla famosa Seven Spring.

Dopo il pranzo i partecipanti hanno avuto un breve tempo libero: hanno avuto la possibilità di visitare il mercato nella piazza principale. Il giorno e l'intero evento ufficiale sono stati completati con una festa di addio, in cui abbiamo anche annunciato i vincitori del concorso di foto e disegni.

Domenica mattina alcune delegazioni sono rimaste ancora per il cosiddetto Mercato di Ursula. In questa occasione associazioni, gruppi, scuole ecc. offrono il loro cibo in un mercato. Abbiamo chiesto ai nostri partner di portare del cibo locale e, oltre ai dolci, ecc. preparati dai membri dell'associazione, abbiamo anche portato quei piatti al mercato. Abbiamo anche preparato dei volantini sul progetto e distribuiti ai visitatori che hanno apprezzato il tavolo internazionale. In questo modo non solo i cittadini locali, ma anche altri visitatori - anche da molti altri paesi - hanno avuto l'opportunità di conoscere il progetto

Condividi questo contenuto

Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - WebMail

Comune di Velletri - Piazza Cesare Ottaviano Augusto, 1 00049 Velletri (RM) - Telefono +39.06.961581 Fax +39.06.96142504
Codice Fiscale: 01493120586 - Partita Iva: 01001051000
Posta elettronica certificata (Pec) protocollo@pec.comune.velletri.rm.it

Il portale della Città di Velletri (RM) è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Velletri (RM) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it