Comune di Velletri (RM)

Evento 2

Città di Velletri
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
..
Evento 2
..

Evento 2

Partecipazione: L'evento ha coinvolto 30 cittadini, inclusi 15 partecipanti della città di Velletri, in Italia; 4 partecipanti dalla città di Kőszeg, in Ungheria; 3 partecipanti dalla città di Bad Kötzting, Germania; 4 partecipanti dalla città di Chojna, in Polonia; 4 partecipanti dalla città di Marsaskala, Malta. Località / Date: L'evento si è svolto a Velletri, in Italia, dal 12/04/2018 al 15/04/2018. Breve descrizione: L’obiettivo del secondo evento era di mostrare esempi locali dei vantaggi dell’appartenenza all'Unione europea, per dimostrare come un grande paese, uno dei fondatori dell'Unione europea pensa all'importanza dei paesi più piccoli e ad incoraggiare la partnership che può essere stabilita tra di essi. Inoltre, uno scopo secondario era discutere la situazione dei rifugiati, e di avviare una discussione sui problemi e su possibili soluzioni legate alla recente crisi migratoria. L'evento è stato organizzato da TRATTI, l'associazione di molti giovani studenti universitari e cittadini con l'aiuto del loro mentore, un’ex insegnante, la dott.ssa Alessandra Modio e dei suoi colleghi e amici. Tratti, in rappresentanza del Comune di Velletri in questo progetto, ha preparato un programma eccellente per i 30 partecipanti ufficiali, 15 dei quali provenienti dalla Germania, Ungheria, Italia e Polonia. Prima di cena, la dott.ssa Alessandra Modio, mentore di Tratti ed ex consigliere, ha aperto la conferenza. Nel suo discorso, ha sottolineato l'importanza dei giovani partecipazione alla vita pubblica. Ha anche detto che molti giovani partecipanti erano ancora a lavoro per la mostra che si è poi aperta il giorno successivo. Ha posto l’accento sull’importanza degli incontri internazionali in cui partecipanti molto diversi possono cooperare. Ha ricordato bei momenti riguardo ai precedenti progetti dell'UE organizzati con Kőszeg. In seguito, durante la cena c’è stata l’ occasione per una discussione informale. È importante ricordare che gli organizzatori hanno cercato di trovare i posti migliori per gli eventi (biblioteca), visite di studio (museo, cantina), pasti (pizzeria, agriturismo), alloggio (agriturismo): tradizionale italiano, o internazionale, o posti supportati dall'UE. La mattina dopo (13 aprile) il sig. Leonardo Sollami, presidente di TRATTI, ha aperto il giorno. Nel suo discorso ha salutato tutti i partecipanti al progetto e ha espresso la sua soddisfazione perché molte persone sono venute ad ascoltare il programma, che era pubblicizzato nel giornale cittadino e ha presentato ufficialmente le delegazioni degli altri 4 paesi e il gruppo ospitante. Ha anche offerto ringraziato la dott.ssa Alessandra Modio per la sua assistenza da parte di tutti e 4 i gruppi in visita. Ha continuato spiegando che il sito dell'evento è un posto molto importante per la città: la sua biblioteca. La biblioteca di Velletri è anche chiamata "Casa della cultura e della musica" per via della sua centralità ruolo nella vita culturale della città. È stato rinnovato con fondi dall'UE, così ‘associazione ha pensato sarebbe stato il luogo perfetto per aprire l'evento a causa del suo ruolo simbolico. Abbiamo iniziato il programma con un film: The Great European Disaster, prodotto dalla regista italiana Annalisa Piras. Il film parla di un non così lontano futuro in cui l'Europa non esiste più e ha rilevato non solo le probabili cause di questo, ma anche le disastrose conseguenze che un ritorno ai nazionalismi in Europa creerebbe. L'intero film è stato molto commovente e abbiamo potuto trovare somiglianze tra il passato e il probabile futuro. Dato che il programma era stato inviato settimane prima dell'evento, i partecipanti erano in grado di prepararsi, ma eravamo tutti molto toccati dalle tristi storie del film, che sono state raccontate in modo molto diverso da persone provenienti da differenti paesi d'Europa. Gli organizzatori ci hanno chiesto di riflettere ed essere preparati per una discussione il giorno successivo si è svolta sia formalmente che informalmente.

La conferenza è stata onorato dalla presenza di David Sassoli, il vice presidente del Parlamento europeo. Nel suo discorso ha posto in evidenza l'importanza di eventi come EULOCAL per discutere dei problemi europei e allo stesso tempo per riunire persone provenienti da parti dell'Europa molto diverse. Era molto impressionato dalla presenza di molti giovani tra il pubblico, visto che i giovani di solito non sono interessati alla politica. Ha augurato infine ai partecipanti e ai giovani spettatori una conferenza molto fruttuosa. Dopo il suo discorso c'era la possibilità per i partecipanti a fare domande: ‘è ottimista riguardo al futuro dell'UE, vero? Si aspetta altre uscite ecc.’ Dopo le domande e risposte c’è stato il discorso di Fausto Servadio, il sindaco della città, che si è rivolto al suo pubblico per un breve pensiero. Ha espresso quanto sia felice che Velletri partecipi a questo progetto per l'Europa per i cittadini, rete di città. Ha detto che era molto orgoglioso Tratti, per aver provocato il coinvolgimento dei giovani nella vita sociale della città. Ha chiamato sul palco la dott.ssa Alessandra Modio, la guida del gruppo, ex consigliere, e ha sottolineato l'importanza del suo aiuto per i giovani entusiasti. Il dott. István Mátrai, coordinatore del progetto, ha brevemente presentato il programma e la sua importanza. Ha sottolineato che molte persone sono euroscettiche e non vogliono vedere i vantaggi dell'esistenza dell'UE. Inoltre, ha espresso la sua convinzione che la serie di conferenze ed eventi contribuirà a migliorare la reputazione dell'UE. Ha anche ha ricordato il primo evento organizzato a Marsaskala, a Malta, che è molto efficiente, i partecipanti potrebbero trovare nuovi punti di vista e fatti che evidenziano tutti necessità della cooperazione di piccoli e grandi, vecchi e giovani paesi dell'UE, ha inoltre espresso la sua gratitudine per la preparazione dell'evento e ha augurato a tutti i partecipanti a conferenza di successo. Dopo una breve pausa, i partecipanti e i visitatori della città hanno avuto la possibilità di ascoltare le parole del signor Abdoulaye Mbodj, che è il primo figlio di immigrati africani a diventare avvocato nel tribunale di Milano. Ha parlato della vita della sua famiglia. Suo padre era partito dal Senegal con la sua famiglia con una promessa: cercare a tutti loro un futuro migliore che la terra natia non potrebbe offrirgli. Non si è mai arreso, e ora lavorano e vivono alle porte di Lodi. Il loro più grande orgoglio sono i tre bambini che hanno cresciuto con amore. Sig. Abdoulaye Mbodj ha dichiarato di non essersi mai sentito discriminato, non a scuola e neanche nel suo posto di lavoro. Ha affermato di essere un esempio dell’Italia che accoglie e non esclude. Come suo padre, si sente una persona rispettata, e gli è grato per l'enorme aiuto che ha ricevuto da molte persone. Ora, sente che è il momento per ripagarlo, quindi fa del suo meglio per aiutare quelli che ne hanno bisogno. Tutto il suo discorso ci ha presentato la mostra che stavamo per vedere riguardo ai "Nuovi Europei", figli di immigrati che hanno deciso di rimanere in Italia e cambiare la loro vita, sempre tenendo presente le terribili privazioni che le loro famiglie hanno dovuto subire. Insieme, abbiamo quindi inaugurato la mostra, che era aperta al pubblico. Fortunatamente, molti studenti sono venuti a vedere l'inaugurazione e ad ascoltare Abdoulaye. Abbiamo avuto la possibilità di leggere sul successo o meno di persone diverse come famosi sportivi che non potevano far parte della nazionale squadra perché erano rifugiati, scienziati che potevano lavorare e sono stati riconosciuti. Come il signor Abdoulaye Mbodj ha detto: tutti hanno dovuto lavorare sodo per raggiungere i loro obiettivi. Siamo tutti d'accordo che il programma era ben progettato: dopo la mostra abbiamo avuto la possibilità di parlare sui "Nuovi Europei" in modo informale, e nel pomeriggio, abbiamo potuto anche parlare del situazione nei nostri paesi. Dopo pranzo siamo tornati in biblioteca per il nostro laboratorio: il tema principale era la migrazione e la centralità di questo argomento nella storia recente europea. Abbiamo lavorato in quattro gruppi internazionali. Ogni gruppo ha ottenuto un plico con una domanda che avrebbero dovuto presentare e dovevano farlo dando 3 semplici suggerimenti risolutivi per la domanda alla fine del workshop. I quattro temi erano migrazione e integrazione, crescita e sviluppo sostenibili, difesa e sicurezza, informazione e comunicazione. Le nostre conclusioni sono state varie: prima di tutto, abbiamo sottolineato la differenza tra gli immigrati economici e politici e l'importanza dei media per la percezione che abbiamo degli immigrati e dell'immigrazione nel nostro paese e in Europa in generale.

Abbiamo anche discusso della centralità della discussione pubblica e del pensiero critico quando si parla di temi come questo. In secondo luogo, i gruppi hanno parlato del nostro bisogno di immigrati in Europa, a causa della nostra popolazione che invecchia, che contribuiscono al nostro bisogno per una forza lavoro. La domanda è se questa è la vera soluzione? I rifugiati lavoreranno? Insegnare loro necessita di aiuto finanziario. Infine, abbiamo affrontato il problema dell'integrazione: la maggior parte i partecipanti hanno fatto questo discutendo i problemi di integrazione, i problemi di violenza e divisioni nella stessa Europa, e la difficoltà di avere persone che provengono completamente ambiente diverso con regole e tradizioni diverse. Ma è impossibile risolvere il problema di integrazione di culture diverse? Alcuni di noi hanno cercato di arrivare ad alcune possibili soluzioni, ad esempio sottolineando l'importanza della barriera linguistica e dell'istruzione nel processo di integrazione. Inoltre, si è scoperto che una vera integrazione non può essere attesa, ed è impossibile. Dovrebbe essere preso in considerazione per aiutare queste persone nel paese da cui provengono - se è un paese sicuro. Siamo tutti d'accordo sul fatto che i rifugiati veramente in pericolo meritano tutto l'aiuto possibile, ma devono anche cooperare, accettare le regole e le leggi di i loro nuovi paesi. È stato anche detto che sfortunatamente alcuni migranti lo sono i criminali e le persone locali tendono a mettere tutti i rifugiati nella stessa scatola e l'atteggiamento verso i migranti non è affatto positivo. Dopo le domande del workshop, le delegazioni dei paesi invitati hanno brevemente parlato la loro esperienza a casa. La delegazione di Bad Kötzting ha menzionato due punti principali: la sistemazione dei rifugiati e la formazione per l'integrazione lavorativa. Hanno avuto esempi sia positivi che negativi. Loro ospitano nella loro città circa 160 rifugiati dalla Siria, dall'Etiopia, dall'Iraq, dall'Iran, dal Kazakistan, dalla Russia, dall'Ucraina, Mali, Eritrea, Somalia, Nigeria. La maggior parte di loro vive nell'ex ospedale e solo pochi "rifugiati riconosciuti" vivono in appartamenti nella città. Solo 60 di loro hanno lo status "Riconosciuto come avente diritto di asilo" e di loro solo 2 lavorano. I bambini vanno a scuola a tempo pieno o la scuola materna e incontrano i compagni di gioco. Il fatto positivo centrale è l’esistenza di una grande rete di supporto per i rifugiati in cui volontari si dedicano ad aiutare a integrare i rifugiati in una varietà di attività, come ad esempio club sportivi e corsi di autosufficienza. Uomini e donne ricevono una speciale istruzione: come per esempio per i i rifugiati uomini - come comportarsi in contatto con le donne o nelle piscine pubbliche; per le donne - corsi di lingua specializzati in assistenza all'infanzia e salute infantile. Un altro punto positivo sono le classi collaborative sia per i cittadini tedeschi che per i rifugiati: come corsi collettivi di cucina e corsi di maglia. C'è anche un laboratorio per la riparazione di biciclette gestito da rifugiati. Tuttavia, dal lato negativo, lo Stato dipende in gran parte dal lavoro dei volontari, che può essere inaffidabile. Ci sono problemi abitativi per i rifugiati riconosciuti. La vita isolata nella sistemazione collettiva previene alcuni problemi, ma non supporta l’integrazione. Per quanto riguarda l'istruzione, ci sono 11 classi con circa 180 studenti, distribuiti secondo il loro livello e molti di loro sono disposti a imparare. La puntualità era un problema all'inizio, ma ora gli studenti non sono meno affidabili dei tedeschi. C'è un esempio positivo: un rifugiato riconosciuto dalla Siria (moglie e 2 bambini) che aveva studiato letteratura araba, coinvolto come interprete presso l'agenzia di lavoro e impiegato come assistente sociale presso la scuola professionale. Nel frattempo lavora a tempo pieno e ufficiale di collocamento per rifugiati presso l'amministrazione della contea. Lui è interessato nell’integrazione; inoltre, i suoi figli parlano tedesco. Tuttavia, ci sono anche esempi negativi. Uno studente siriano, che ha mostrato un comportamento ribelle e non ha seguito alcuna regola, anche avendo a che fare con la droga, ha dovuto lasciare la scuola e non ha nessun futuro in Germania. Le aziende della contea sono disposte a istruire e addestrare i rifugiati e ad assumerli dopo l'apprendistato. Sono particolarmente interessati agli studenti provenienti dall'Afghanistan. La maggior parte di loro è interessata all'apprendimento e all'integrazione. Le loro possibilità di rimanere sono minime, perché il governo federale considera l'Afghanistan un paese sicuro, che non è indiscusso in Germania. Quindi, c'è una costante paura della deportazione. È successo che uno studente è stato catturato dalla polizia subito dopo una lezione a scuola. C'è ancora molta strada da fare prima dell'integrazione. La procedura per la concessione del diritto di asilo o viene negata o comporta lunghissimi tempi di attesa. È difficile per i rifugiati riconosciuti trovare un lavoro o alloggio. L'atteggiamento di molti tedeschi nei confronti dei rifugiati non è positivo.

La delegazione di Kőszeg non ha potuto fornire troppi esempi. L'Ungheria ospita molti rifugiati e, se lo meritano, vivono bene. Inoltre, a Kőszeg ci sono persone provenienti dall'Armenia, ecc. Molte sono professionisti, come medici, architetti e altri lavoratori vengono in Ungheria, a Contea Vas, e hanno davvero una buona reputazione. Tuttavia, non troppe persone vorrebbero restare in Ungheria, per lo più vogliono usarlo come paese di transito, e vogliono trasferirsi in Germania. Sicuramente, uno dei motivi è il più alto standard di vita in Germania. L'Ungheria non nega aiuto a coloro che sono in pericolo, ma il governo ungherese richiede l'accesso legale, con un ID. Quelli che vorrebbero entrare illegalmente nel paese - e in questo modo accedere all'Europa - vengono rimpatriati. È anche vero che il governo ungherese crede fortemente che l'aiuto dovrebbe essere dato agli immigrati nel loro paese, l'Ungheria ha già inviato molti soldi per migliorare le condizioni di vita, per costruire ospedali, scuole, ecc. La delegazione di Chojna ha potuto parlare di situazioni molto diverse. Un esempio di cui hanno parlato riguarda un’immigrata di 17 anni proveniente dalla Siria. A causa della costante incertezza e paura, la famiglia ha deciso di trasferirsi in Polonia. La più grande la sfida affrontata per i rifugiati è l'apprendimento del polacco. Senza questa capacità, è stato difficile per l’adolescente trovare nuovi amici o per apprendere al liceo. Un altro problema era l’atteggiamento negativo dei giovani studenti nei confronti dei rifugiati. Dopo tre anni di vita in Polonia, lei afferma che i suoi compagni di scuola hanno cambiato il loro atteggiamento nei suoi confronti, ma non è cambiato il loro atteggiamento nei confronti dei rifugiati in generale. Secondo lei, questo non è giusto, perché tutti meritano aiuto e condizioni di vita sicure e tranquille. Le procedure in Polonia sono complicate e durano diversi mesi, e le persone da diversi paesi sono collocate nello stesso centro. Ci sono molte persone frustrate perché tenute in un limbo per un periodo di tempo lungo e incerto. La diversità culturale nei centri per i rifugiati genera anche conflitti. Inoltre, meno di un quarto dei rifugiati vuole imparare il polacco. La procedura di ammissione degli immigrati e la concessione dello status di rifugiato in Polonia è molto lunga. Secondo le regole, dovrebbe durare un massimo di sei mesi, ma in realtà raggiunge anche due anni. Durante questo periodo, gli stranieri sono in centri speciali. Hanno un appartamento, cibo, aiuto medico, una piccola paga e imparano il polacco. Finché non hanno il permesso per un soggiorno legale, non possono lavorare o lasciare il centro. La Polonia ha grossi problemi con l'integrazione e la preparazione di stranieri per l’indipendenza nella società polacca. Anche se stanno facendo domanda per lo stato di rifugiati o l'hanno già ricevuto, molti di loro non sono interessati ad imparare il polacco. Ci sono quasi quattromila persone nei centri. Negli ultimi anni, solo circa 100 gli adulti e circa 500 bambini hanno frequentato corsi di lingua. Non ci sono conseguenze per il rifiuto alla partecipazione alle lezioni. Un altro problema è che non ci sono esperti insegnanti. Forse la situazione cambierà presto, perché una società è recentemente stata selezionata per essere responsabile per l'istruzione in tutto il paese. Dopo aver ricevuto lo status di rifugiato, gli stranieri possono rimanere nel centro per un anno. Dopo il quale termina l'aiuto e devono diventare indipendenti. Un anno non è abbastanza tempo per riprendersi dagli shock mentali, fisici ed emotivi di aver vissuto una guerra, per imparare una lingua e allo stesso tempo trovare un lavoro. Dopo aver lasciato il centro, i rifugiati ricevono poco o nessun supporto. La delegazione di Marsaskala ha parlato del loro problema: non proibirebbero alle persone di andare a Malta, ma le dimensioni dell'isola e la popolazione relativamente densa causa problemi seri. A causa della loro situazione geografica, molte navi approdano lì, e anche se solo temporaneamente la mole di rifugiati non può essere gestita. Anche la serata ha contribuito al successo dell'intero evento. La cena è stata servita nell'hotel dell'agriturismo in cui abbiamo dormito. Abbiamo anche potuto assaggiare i piatti tradizionali e potuto apprezzare la musica tradizionale italiana suonata da un gruppo locale. Oltre a questo, abbiamo potuto condividere le nostre idee in modo informale, sebbene la giornata fosse già stata piena di discussioni e lavoro duro.

Sabato abbiamo fatto una passeggiata a Velletri e visitato il museo civico e un antico tempio. In entrambi luoghi una guida ci ha illustrato in modo dettagliato ciò che stavamo guardando e la descrizione del lavoro archeologico. Dopo pranzo in un ristorante dove abbiamo provato piatti che mescolavano la cucina tradizionale con un tocco contemporaneo e nel pomeriggio abbiamo avuto il piacere di visitare la cantina sperimentale di Velletri. Lì il direttore ha spiegato la centralità di queste strutture in Italia non come produttori di vino per profitto, ma come soggetto scientifico che interagisce con i produttori per raggiungere il massimo possibile da queste meravigliose risorse naturali. Abbiamo avuto la possibilità di osservare quanti progetti sono stati realizzati con fondi UE a Velletri, che ci ha dato l'opportunità di discutere di argomenti essenziali della storia recente europea non solo durante il nostro laboratorio e incontri, ma anche nel nostro tempo libero! Il prossimo incontro si terrà a Bad Kötzting, in Germania, all'inizio di

Condividi questo contenuto

Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - WebMail

Comune di Velletri - Piazza Cesare Ottaviano Augusto, 1 00049 Velletri (RM) - Telefono +39.06.961581 Fax +39.06.96142504
Codice Fiscale: 01493120586 - Partita Iva: 01001051000
Posta elettronica certificata (Pec) protocollo@pec.comune.velletri.rm.it

Il portale della Città di Velletri (RM) è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Velletri (RM) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it