Comune di Velletri (RM)

Evento 1

Città di Velletri
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
..
Evento 1
..

Evento 1

Partecipazione:

L'evento ha coinvolto 30 cittadini, inclusi 14 partecipanti della città di Marsaskala, Malta; 5 partecipanti dalla città di Kőszeg, in Ungheria; 3 partecipanti dalla città di Bad Kötzting, Germania; 4 partecipanti dalla città di Chojna, in Polonia; 4 partecipanti dalla città di Velletri, in Italia.

Località / Date: L'evento si è svolto a Marsaskala, Malta, dal 19/10/2017 al 22/10/2017.

Breve descrizione: L'obiettivo del primo evento è stato quello di delineare l'argomento generale del progetto e di elencare gli incontri consecutivi con i loro obiettivi, oltre a considerare i vantaggi dell'appartenenza all'Unione europea e i possibili effetti delle dimensioni di uno stato dell'UE. Inoltre, un altro obiettivo era dimostrare attraverso la visita di studio l'importanza e il vantaggio di essere piccoli. Il primo evento è stato organizzato dal Consiglio locale di Marsaskala, dove il sindaco Mario Calleja ei suoi colleghi, amici hanno preparato un programma perfetto per i 30 partecipanti ufficiali, 15 dei quali provenienti da Germania, Ungheria, Italia e Polonia. La conferenza è stata aperta da Mario Calleja, sindaco della città di Marsaskala. Nel suo discorso ha sottolineato l'importanza dell'evento e ha espresso la sua speranza nel comune futuro europeo. Come era stato pianificato, in questa prima serata (19 ottobre) avevamo un'esposizione in cui i partecipanti hanno mostrato esempi a beneficio di essere membri dell'UE. Le foto sono state posizionate su poster e sono rimaste nella sala conferenze per una settimana. I gruppi hanno avuto la possibilità di spiegare perché hanno scelto l'edificio dato, parte della città, gli eventi per la mostra. Tra questi c'erano foto di progetti internazionali organizzati con il sostegno dell'UE, lo sviluppo di una determinata area in una città, ecc. Il mattino seguente (20 ottobre), dopo l'apertura quotidiana del signor Mario Calleja, coordinatore del progetto, il dott. István Mátrai ha presentato il programma e la sua importanza. Ha sottolineato che alcune persone sono euroscettiche e non vogliono vedere il vantaggio dell'esistenza dell'UE. Inoltre, ha espresso la sua convinzione che la serie di conferenze ed eventi contribuirà a una migliore reputazione dell'UE. La conferenza è stata onorata dal Dr. Owen Bonnici, ministro della giustizia, della cultura e del governo locale. Nel suo discorso ha rilevato l'importanza dell'Unione europea e ha anche fornito esempi a favore dell'adesione maltese. Come ex vice sindaco del consiglio locale di Marsaskala ha elencato diversi investimenti e progetti che sono stati portati avanti con l'aiuto dell'UE e ha espresso la sua fierezza per il fatto che Marsaskala sia stata attiva anche in questo progetto internazionale. Dopo una breve pausa tutti i partner hanno presentato una breve presentazione dei "problemi locali" che verranno discussi durante i loro eventi.

Kőszeg, Ungheria, ha parlato dell'importanza di coinvolgere tutte le entità per salvare e proteggere l'acqua. Nella PPT la signora Ilona M. Tálos ha delineato la domanda da discutere in seguito, e con alcune domande sorprendenti ha attirato l'attenzione del pubblico sull'importanza del tema. Le buone risposte sono state persino onorate con un piccolo regalo. Inoltre, ha detto che ci saranno "compiti" per la riunione di Kőszeg, e la delegazione ungherese li invierà entro aprile.

Chojna, in Polonia, ha presentato l'atteggiamento dei partecipanti locali e dei visitatori stranieri verso il lavoro all'estero, in particolare nelle piccole città. Nel suo PPT, Janusz Cezary Salamończyk ha parlato dei vantaggi del tirocinio all'estero, sostenuto dai fondi dell'UE. Ha evidenziato gli aspetti più importanti del programma e ha illustrato sistematicamente la differenza nella vita scolastica prima e dopo l'internazionalizzazione della scuola che ha preso parte ai progetti Comenius, Leonardo, Erasmus +.

Velletri, l'Italia ha presentato i nuovi muri in Europa e i nuovi europei: giovani nati in Italia da genitori stranieri. La signorina Andrea Chiara Bauco ha presentato il suo discorso con la domanda: "Chi è un rifugiato?" Ha dato una definizione e alcuni numeri per immaginare la presenza di rifugiati in tutto il mondo oggi. Ha poi presentato il tema da un punto di vista storico concludendo il suo breve discorso con la sua preoccupazione, ma anche con la speranza, per il futuro e le generazioni future.

Bad Kötzting, Germania, ha parlato delle condizioni di vita in una ex area di confine e nei resti della Guerra Fredda. Nella PPT, la signorina Simona Gogeißl si è concentrata sugli aspetti positivi e negativi della vita in un'area di confine che dovrebbe essere discusso insieme più tardi. In queste aree la conservazione della natura e uno sviluppo sostenibile svolgono un ruolo importante. Citando i problemi dell'apicoltura causati da parassiti, inquinanti e pesticidi, i delegati hanno voluto sottolineare l'importanza di un'attenta gestione della natura per l'intera popolazione mondiale.

Marsaskala, Malta, ha menzionato l'atteggiamento dei partecipanti locali e dei visitatori stranieri verso l'importanza di un paese molto piccolo, isolato, quasi dimenticato. Il signor Emanuel Casingena nella sua presentazione ha parlato della loro lingua: l'origine della lingua maltese che è un misto di arabo laico e siciliano, una lingua semitica con un tocco di romanza in essa. Ha detto che la loro lingua è difficile da capire e scrivere. La loro seconda lingua è l'inglese, una lingua che attualmente è conosciuta da molti altri paesi. Ha anche aggiunto che durante la visita di studio lo noteremo nella vita di tutti i giorni, anche se non saremo in grado di distinguere i diversi dialetti della lingua maltese. Ha detto che i partecipanti lo sperimenteranno personalmente il giorno successivo, durante la visita di studio a Gozo. Per una migliore comprensione darà alcuni punti di vista. Dopo questo abbiamo discusso delle domande: i piccoli paesi contano nell'UE? Hanno gli stessi diritti? La discussione e il dibattito sono stati organizzati in gruppi, e in seguito un portavoce ha riassunto l'opinione di ciascun gruppo. Infine, un punto di vista comune è stato formato dai partecipanti. Dalla discussione generale "Even Us the Little Ones Count A Lot" sono stati menzionati i seguenti punti chiave: Immigrazione; Cultura / Folclore, Diritti LGBTQ, Scambio studenti, Scambio tra generazioni, Nuovi input da giovani generazioni, Esperienza lavorativa, Economia forte, Benessere sociale, Conferenze internazionali, Ricco di storia, Diversità linguistica, Organizzazioni di volontariato, Tradizioni.

Nel dettaglio le seguenti opinioni sono state presentate dal portavoce (ovviamente, l'ultimo gruppo aveva solo poche possibilità di raccontare nuove idee, ma tutti i gruppi hanno contribuito al successo della discussione).

È ovvio che i grandi paesi, le grandi città sono più forti, possono influenzare in modo più forte gli altri. Tuttavia, anche i piccoli paesi possono insistere sulla propria opinione. In molti paesi ci sono diverse minoranze e anche loro hanno i loro diritti - altrimenti, possono chiedere aiuto. Anche i regolamenti dell'UE mostrano che anche i piccoli paesi sono importanti. Anche se i paesi più piccoli hanno meno rappresentanti, la presidenza dell'UE non dipende dalle dimensioni, ogni paese mantiene questa posizione in una rotazione. Inoltre, il veto può aiutare le nazioni più piccole - fino a un punto ragionevole. Le piccole nazioni possono avere grandi attività, risultati notevoli, e possono anche avere scienziati famosi, inventori (come in Ungheria). Inoltre, qualsiasi piccola azione è importante, quindi anche il più piccolo gruppo di persone, le associazioni possono avere azioni molto positive ed efficienti. (Anche nel nostro progetto come apicoltori, disabili, protettori ambientali ecc. Può aiutare a risolvere domande serie). Per dimostrare ai nostri cittadini che anche i più piccoli contano molto, dovremmo parlare di più dell'Europa a scuola e dimostrare agli studenti che ci sono differenze nell'UE, ma anche che ci sono somiglianze, e questo è ovvio. Lo scambio tra generazioni è importante: i giovani e gli anziani possono imparare molto gli uni dagli altri, e ciò sarebbe vantaggioso per entrambi. L'esperienza della Brexit ci mostra che le grandi città si sentono probabilmente più europee, e quelle più piccole invece mantengono tradizioni nazionali, folklore, ecc.

Lo scambio di cittadini, in particolare di giovani, può aiutare a dimostrare ai cittadini i vantaggi di essere membri dell'Unione europea, e ciò contribuisce anche a migliorarne la reputazione. Questo è ancora più facile se il paese è piccolo, poiché esiste una connessione più forte tra le persone, c'è meno anonimato, quindi è più facile mettere in atto dei cambiamenti.

Anche il pranzo e la breve pausa hanno contribuito all'obiettivo del progetto: la cucina internazionale è stata un esempio della diversità culturale e ha dato la possibilità di scambiare idee, conoscere informalmente ecc. Diverse delegazioni hanno avuto l'opportunità di conoscere il cibo delle altre nazioni, come si preparano, perché sono importanti nella loro cultura. Tutti lo hanno preso molto seriamente, nonostante i voli tutti i partner sono riusciti a portare cibo cotto. Ovviamente anche la città ospitante ha presentato il suo pranzo tradizionale. Anche questo è stato un esempio eccellente che una piccola idea, un piccolo contributo ha anche fatto parte del successo dell'evento: durante la preparazione, il servizio del cibo, l’attesa degli ultimi, le persone hanno avuto la possibilità di continuare la discussione.

Dopo il pranzo – continuando a portare avanti lo stile di vita sano - siamo andati camminando fino al monumento di Douzelage, dove è stata scattata una foto di gruppo. Al monumento - che è stato eretto cinque anni fa - il sindaco della città, Mario Calleja ha parlato dell'importanza del monumento, che può essere trovato in una delle piazze principali. Ogni città membro di Douzelage ha il suo stemma, e sono uniti da barre di metallo per simboleggiare il forte legame tra i paesi dell'UE e quello delle città del Douzelage. I cittadini sono a conoscenza di qualsiasi progetto internazionale che si svolge nella città, perché nella piazza si alzano le bandiere dei paesi partecipanti. Anche i poster mostravano il programma dell'evento.

Nel pomeriggio i partecipanti hanno preso parte a workshop in 5 gruppi internazionali. Era ben organizzato, perché ogni nazione era responsabile di un argomento. Gli argomenti erano i seguenti: Vantaggi e svantaggi dell'essere piccoli (HU); Giovani in politica (PL); Immigrazione (IT); Giovani nello sport (DE); Patrimonio, sviluppo e giovane generazione (MT). Dopo il workshop, ciascun leader del gruppo ha riassunto i risultati e risposto alle domande relative agli argomenti degli altri partecipanti.

I vantaggi e gli svantaggi dell'essere piccoli sono stati riassunti dal gruppo ungherese. All'interno del gruppo internazionale, i partecipanti hanno trovato un numero maggiore di svantaggi che di vantaggi di essere piccoli. Durante la discussione il più difficile è stato scoprire se siano più importanti i vantaggi o gli svantaggi. Infine, abbiamo convenuto che probabilmente i vantaggi sono molto importanti e la loro forza compensa i molti svantaggi. I vantaggi sono ad esempio la comunicazione facile, la familiarità delle persone le une con le altre, è più facile capirsi, si hanno gli stessi problemi e potrebbero essere più facilmente risolti, e un fattore molto importante: le tradizioni potrebbero essere più facilmente conservato. Questo è ciò che il gruppo ha trovato il più importante.

Gli svantaggi - secondo la discussione - erano i seguenti: È difficile trovare abbastanza persone per determinate posizioni - meno scelta per certe posizioni; bisogna lavorare molto più duramente per trovare lavori e opportunità gratificanti; potrebbero facilmente essere influenzati nella loro opinione da altri paesi più potenti e più grandi; luoghi sovraffollati, spazi di parcheggio insufficienti e spazio insufficiente per sviluppare determinati progetti; più difficile per le persone di talento essere riconosciute all'estero; nello sport non c'è molto da scegliere per la competizione; nessuno con cui competere nelle piccole città e bisogna deve andare da qualche altra parte per migliorare le proprie capacità; le grandi compagnie preferiscono operare in città più grandi; nell'industria si può avvertire un maggiore inquinamento nei paesi più piccoli rispetto ai grandi paesi. Dopo la sintesi del portavoce la maggior parte delle persone ha concordato con l'elenco dei vantaggi e degli svantaggi. Hanno anche aggiunto che i giovani devono trasferirsi in città più grandi per migliorare i loro talenti e, sfortunatamente, non tornano nella loro piccola città natale o paese. Ma nonostante gli svantaggi, i vantaggi sono più forti. Un punto comune era che tutti noi dobbiamo sottolineare i vantaggi e trovare i modi per ridurre l'effetto negativo delle piccole dimensioni.

Il coinvolgimento dei giovani in politica è stato sintetizzato dal gruppo polacco. Il gruppo ha iniziato la discussione con alcuni dati statistici. Secondo molte ricerche i giovani non sono interessati alla politica. Il tasso di partecipazione delle persone di età compresa tra i 18 e i 25 anni nelle ultime elezioni al Parlamento europeo era inferiore a qualsiasi altra fascia di età. In Polonia solo il 40% delle persone di età compresa tra i 18-25 anni vota alle elezioni e il numero è rimasto invariato da 20 anni. Si dice che i giovani siano impegnati a finire le scuole, trovare lavoro, iniziare la famiglia e il coinvolgimento in politica non sembra essere una questione importante. Il numero di consigli comunali giovanili si sta riducendo e nelle città affiliate dell'Associazione gemellaggio di città europea Douzelage, ci sono pochissimi consiglieri più giovani di 30. Non ci sono molti giovani politici a livello nazionale o europeo e il nuovo Primo Ministro dell'Austria è un eccezione. C'è anche una credenza abbastanza popolare che i giovani manchino di qualsiasi punto di vista politico o interesse per essa. Ci sono varie iniziative per cambiare la situazione. A Malta si discute di consentire ai giovani di età compresa tra 16 e più anni di partecipare alle elezioni locali. Proposte simili sono apparse in altri paesi dell'UE, alcuni di loro stanno addirittura pensando di abbassare l'età per i candidati alle elezioni nazionali a 16. Anche le votazioni online possono coinvolgere più giovani. Queste proposte a nostro avviso possono essere solo uno o due dei modi per coinvolgere i giovani in politica. L'area principale delle attività che incoraggia i giovani dovrebbe essere l'educazione. Le scuole, le organizzazioni non governative e altre organizzazioni della società civile dovrebbero rendere tutti i giovani consapevoli del fatto che le decisioni politiche influenzano quasi ogni aspetto della nostra vita. Durante la discussione dopo la presentazione del portavoce è stato anche menzionato che Erasmus + offre sostegno finanziario per progetti giovanili, l'azione KA3 si concentra sullo sviluppo delle politiche giovanili e può essere utilizzata anche per progetti di dialogo strutturato. Un'altra possibilità è l'azione Erasmus + KA2 - iniziative giovanili internazionali che mirano alla condivisione di progetti. Inoltre, i progetti di Europe for Citizens possono anche aiutare a coinvolgere i giovani in politica.

L'immigrazione è stata sintetizzata dal gruppo italiano. Nella discussione c'erano opinioni simili e talvolta diverse. Siamo tutti d'accordo sul fatto che l'immigrazione non significa lo stesso per tutti i paesi. Malta e l'Italia sono molto colpite dal problema degli immigrati, poiché questi paesi sono nella maggior parte dei casi le prime mete per gli immigrati. In particolare Malta soffre perché il numero di immigrati è estremamente grande rispetto alle dimensioni del paese. Chiedono continuamente aiuto dall'UE per essere in grado di affrontare il problema. Inoltre, sulla riva italiana ci sono troppi immigrati e a volte è difficile gestire il problema. La Germania è piuttosto una destinazione finale per la maggioranza degli immigrati e cercano di aiutarli il più possibile. Tuttavia, in Polonia e in Ungheria non ci sono troppi immigrati. Ciò è dovuto in parte alle regole più severe per consentire loro di entrare nel paese, ma soprattutto perché non vogliono rimanere in quei paesi in cui l'economia e il tenore di vita non sono così alti. E 'stato bello rendersi conto che i partecipanti non si sono lamentati contro l'immigrazione a causa della xenofobia, del razzismo, delle ragioni economiche egoistiche. Sono quasi tutti d'accordo sul fatto che tutte le persone dovrebbero entrare in un altro paese onestamente, con documenti adeguati, dimostrando la loro età e la loro origine. Tuttavia, è stato anche aggiunto che a volte i rifugiati non possono avere documenti adeguati con loro a causa di motivi di sicurezza. Tutti i partecipanti potrebbero dire esempi positivi e negativi sull'integrazione dei rifugiati nella società. Abbiamo convenuto che non si dovrebbe chiedere loro di dimenticare la propria cultura, lingua, tradizioni, ma devono anche accettare le leggi del loro nuovo paese scelto. Si è anche detto che a Velletri parleremo degli argomenti in maggior dettaglio.

I giovani nello sport sono stati riassunti dal gruppo tedesco. Tutti i partecipanti hanno convenuto che tutte le forme di attività fisica migliorano la forma fisica e il benessere mentale. La partecipazione allo sport promuove anche la cittadinanza attiva. Ha anche un effetto positivo sulla vita sociale delle persone. Si stima che ci siano più del 25% di bambini sovrappeso o obesi e si prevede un aumento. L'obesità è solo una delle molte condizioni mediche che possono essere significativamente aiutate dalla partecipazione allo sport - oltre a malattie cardiache, diabete, osteoporosi, ecc. Abbiamo anche scoperto che lo sport è un'attività sociale. È una grande opportunità per i giovani di incontrarsi in un ambiente sano e sicuro. Inoltre, le attività sportive danno alle persone la possibilità di incontrare cittadini di altre nazioni, e l'interesse comune, lo stesso modo di pensare, li aiuta sicuramente a essere cittadini europei attivi.

Il patrimonio, lo sviluppo e le giovani generazioni sono stati riassunti dal gruppo maltese. Hanno scoperto un sacco di fattori interessanti e importanti che hanno un impatto su tutto ciò che è stato già detto. Per quanto riguarda il patrimonio, è sempre più facile conservarlo, se un posto è piccolo. Non solo il paese, ma i villaggi e le piccole città mantengono vive le tradizioni. Tuttavia, gli eventi internazionali sono importanti, perché le tradizioni devono essere presentate anche ad altre nazioni. I monumenti storici sono importanti per mostrare ai propri cittadini e ai visitatori il passato. È più facile farlo se il posto è piccolo e le persone devono conservare solo pochi edifici. Ogni nazione è d'accordo, poiché si tratta di un programma europeo, e l'UE sostiene queste iniziazioni locali. A Malta ad es. diverse chiese, cappelle sono state rinnovate, e la storia dal tempo bizantino attraverso Romani, Ottomani, Normanni ecc. è stata preservata, anche Velletri e Kőszeg sono piene di scavi di successo. Per quanto riguarda lo sviluppo, dobbiamo considerare lo sviluppo di attività culturali, sociali e religiose, non solo quello delle nuove costruzioni e della località. Abbiamo convenuto che lo sviluppo è più difficile in un luogo ristretto, tuttavia anche un piccolo cambiamento può essere visto più facilmente. Sviluppi nel campo culturale e sociale possono essere sostenuti dai consigli locali. Ogni città deve lottare con il problema del futuro dei giovani. È un problema comune che questi ultimi lasciano piccole città e paesi e non tornano indietro. Le comunità cercano di fornire alle giovani generazioni strutture adeguate alle loro esigenze, ma un'università o un college non possono essere sostituite. Malta è un'eccezione: a causa del suo clima e la posizione attraente, è ancora popolare tra i giovani.

La giornata stancante è stata chiusa da una cena di gala con un evento culturale. Abbiamo avuto la possibilità di ascoltare la musica tradizionale maltese e abbiamo potuto assistere alla performance di due giovani cantanti. Inoltre, a tutte le nazioni è stato chiesto di prendere la loro musica nazionale, così abbiamo potuto ascoltare anche la loro. L'ultimo giorno della conferenza c’è stata un'escursione a Gozo, l'isola sorella di Malta. L'intera giornata ha dimostrato in modo eccellente i vantaggi e gli svantaggi di essere piccoli e di essere isolati. Tutti i partecipanti hanno apprezzato le nostre "guide turistiche", il signor John Baptist Camilleri e il signor Charlot Mifsud, che hanno parlato del patrimonio culturale, delle tradizioni, delle caratteristiche geografiche e storiche delle piccole isole. Il vantaggio extra del programma che hanno preparato per il gruppo è stato il fatto che ha supportato completamente la nostra precedente discussione sugli effetti positivi e negativi delle piccole dimensioni. Abbiamo potuto sperimentare quanto sia difficile spostarci dall'isola principale a Gozo, soprattutto a causa del programma dei traghetti: se si salta il traghetto, bisogna aspettare altre 2 ore. Inoltre, a causa delle dimensioni ridotte, le città sono così affollate che è difficile muoversi con una grande velocità. A causa delle macchine, ci vuole molto tempo per imbarcarsi, si può perdere molto tempo. Abbiamo potuto vedere che la maggior parte degli abitanti vive di pesca e agricoltura. La maggior parte degli insediamenti sono in cima alle colline perché per i frutteti e gli orti hanno bisogno della piccola quantità di terreno buono delle valli. A causa della forma insolita del terreno, per coltivarlo sono usati metodi semplici e antichi. Quindi, anche nel 21 ° secolo, le persone che vivono a Gozo devono usare carri trainati da asini, aratri primitivi, ecc. Tutti noi ammiriamo davvero l'eroico lavoro degli operai che lavorano a mano. L'isolamento della piccola isola, Comino (lì vivono solo 4 persone in modo permanente!) È stato estremamente importante durante lo scoppio della febbre suina, nel 1980. Questo era l'unico posto intatto, quindi con i maiali allevati c'era la possibilità di ripopolare le fattorie maltesi. In questo modo è stato anche usato come una banca genetica. Dopo la gita- che è stato un eccellente esempio di apprendimento informale - ci siamo riuniti per riassumere le nostre esperienze. La conversazione è proseguita durante la cena. Il prossimo incontro si terrà a Velletri, in Italia, a metà aprile.

Condividi questo contenuto

Responsabile del Procedimento di pubblicazione - Privacy - Note legali - Accessibilità - Posta Elettronica Certificata - Contatta il Comune - WebMail

Comune di Velletri - Piazza Cesare Ottaviano Augusto, 1 00049 Velletri (RM) - Telefono +39.06.961581 Fax +39.06.96142504
Codice Fiscale: 01493120586 - Partita Iva: 01001051000
Posta elettronica certificata (Pec) protocollo@pec.comune.velletri.rm.it

Il portale della Città di Velletri (RM) è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

- Inizio della pagina -
Il progetto Comune di Velletri (RM) è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it